Richiedi un FITNESS CHECKUP

VUOI AFFIDARTI AD UN PERSONAL FITNESS COACH PER OTTENERE RISULTATI CHE DESIDERI?
RICHIEDI IL TUO FITNESS CHECKUP GRATUITO E STUDIEREMO UN PERCORSO DEDICATO A TE!

Come mi ha conosciuto?

Canali SocialGoogleGiornali/TVPassaparola di amici

Qual'è il tuo obbiettivo? Risposte multiple possibili.

DimagrimentoTonificazioneCrescita muscolareAnti-agingRicomposizione corporeaRecupero post partoRimessa in forma menopausaAltro

Confermo e do il consenso dopo aver letto e compreso l’informativa allegata del GDPR 2016/679

Somatotipi

Somatotipo ectomorfo, mesomorfo, endomorfo

Il concetto di somatotipo venne impiegato per la prima volta negli anni ’40 dallo psicologo e medico William Herbert Sheldon (teorico della psicologia costituzionale).

Negli anni successivi lo studio venne perfezionato e le classificazioni si moltiplicarono.
Oggi le specifiche sono moltissime e abbracciano sia il temperamento psicologico che quello metabolico.

Essenzialmente identifichiamo 3 macro somatotipi, grandi categorie con caratteristiche comuni:

  • ectomorfo: corporatura esile, difficoltà nell’aumentare di peso, catabolismo muscolare
  • mesomorfo: predisposizione all’attività sportiva, ottima massa muscolare, dinamici
  • endomorfo: alta percentuale di grasso corporeo, resistenza insulinica, metabolismo pigro

Tutti, bene o male, dipendiamo da queste tre grandi classificazioni e, a seconda dell’insieme iniziale, avremo temperatura interna, consumo di grassi/zuccheri, sensibilizzazione differente rispetto all’assimilazione dei macronutrienti. Non solo: carattere, atteggiamento, stile di vita, risposta allo stress, eccetera.
I tre mesotipi abbracciano quindi tutta una serie di caratteristiche fisiologiche, fisiche e psichiche.

Somatotipi e stile di vita: sport e alimentazione

Dal punto di vista metabolico, il trattamento (alimentazione/sport) varia a seconda del nostro somatotipo d’appartenenza. I 3 biotipi possono incidere anche sulle attitudini sportive: un soggetto ectomorfo, per esempio, è più facile sia portato per le maratone mentre un endomorfo agli sport da combattimento.

Spesso ci troviamo poi di fronte a situazioni in cui due tipi si “uniscono”; un soggetto potrebbe presentare caratteristiche compatibili sia con il somatotipo ectomorfo che endomorfo: siamo di fronte ai cosiddetti “somatotipi intermedi” come l’ectomeso.

Individuare il corretto gruppo di appartenenza, nello stilare un piano alimentazione/allenamento, può davvero fare la differenza.
Nei prossimi articoli vi parlerò delle caratteristiche di ogni somatotipo, con focus particolare su alimentazione e allenamento!

Ti è piaciuto l’articolo?
Metti mi piace e vieni a trovarmi sulla mia pagina facebook 🤗

Buona Giornata
il vostro Personal Fitness Coach e Personal Trainer
Nicola Sangalli

LEGGI LE ALTRE NEWS

VUOI MIGLIORARE LA TUA FORMA FISICA
DIMAGRIRE E TONIFICARE IL TUO FISICO?



YouTube
YouTube
Instagram
Whatsapp
Infoline