fbpx

Richiedi un FITNESS CHECKUP

VUOI AFFIDARTI AD UN PERSONAL FITNESS COACH PER OTTENERE RISULTATI CHE DESIDERI?
RICHIEDI IL TUO FITNESS CHECKUP E STUDIEREMO UN PERCORSO DEDICATO A TE!

    Qual'è il tuo obbiettivo? Risposte multiple possibili.

    DimagrimentoTonificazioneCrescita muscolareAnti-agingRicomposizione corporeaRecupero post partoRimessa in forma menopausaAltro

    Come mi ha conosciuto?

    Canali SocialGoogleGiornali/TVPassaparola di amici

    Confermo e do il consenso dopo aver letto e compreso l’informativa allegata del GDPR 2016/679

    Dieta del Sondino | Nicola Sangalli

    Dieta del Sondino

    Definita anche “Nutrizione Enterale Chetogenica“, la dieta del sondino è stata introdotta dal Prof. Gianfranco Cappello (responsabile ’Unità Operativa Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare del Policlinico Umberto I di Roma).

    Più che dieta io la definirei una vera e propria terapia: va infatti seguita sotto stretto controllo medico.
    Il principio è quello della dieta chetogenica (e della chetosi indotta): aminoacidi (unità strutturale principale delle proteine) in forma liquida assimilate 24/24 attraverso una pompa protonica (il sondino nasale) a cicli di 10 giorni.

    Una dieta non priva di effetti collaterali. Occorre infatti tenere sotto controllo sia l’idratazione che il corretto funzionamento del nostro intestino, tant’è che vengono prescritti lassativi per espletare le normali funzioni fisiologiche.
    E anche l’idratazione è fondamentale.
    La perdita di peso giornaliera corrisponde più o meno all’1% del peso iniziale: ciò significa che a fine trattamento il soggetto potrà perdere fino al 10% del peso iniziale.
    Resta una terapia da seguire solo in casi eccezionali e che non si sposa con un corretto equilibrio alimentare e una giusta educazione a tavola.

    La dieta del sondino sfrutta l’acetonemia (stato di chetosi) per andare ad aggredire/consumare la massa glicogena (zuccheri e muscoli). Trattasi di una dieta a forte catabolismo muscolare, la sola somministrazione di aminoacidi infatti non preserva la massa magra.

    Come ripeto più volte, non sono un medico per cui mi astengo da qualsiasi approfondimento meramente “tecnico”. Tuttavia, posso dirvi che non si scherza su terapie di questo genere a meno che, non vi sia uno stato di grave sovrappeso (obesità) accompagnato da patologie che potrebbero mettere a rischio la vita del soggetto (come l’ipertensione) e per cui si rivela necessaria una perdita di peso consistente in brevissimo tempo.

    Ti è piaciuto l’articolo?
    Metti mi piace e vieni a trovarmi sulla mia pagina facebook 🤗

    Buona Giornata
    il vostro Personal Fitness Coach e Personal Trainer
    Nicola Sangalli

    LEGGI LE ALTRE NEWS

    VUOI MIGLIORARE LA TUA FORMA FISICA
    DIMAGRIRE E TONIFICARE IL TUO FISICO?